logo2.gif (8678 byte)
   Movimento artistico culturale fondato dal prof.  Adolfo Giuliani

La storia

la storia del movimento

Gli artisti

Gli artisti del movimento
Documenti
Documenti del movimento
Eventi
eventi

NOTIZIE PER EVENTUALE ADESIONE AL MOVIMENTO

RASSEGNA STAMPA nazionale e internazionale - POESIA E LETTERATURA



Presentazione secondo volume
 "Esasperatismo Logos & Bidone 2009-15
Napoli 8 giugno 2015


Mostra itinerante 2013 del Movimento Esasperatismo Logos & Bidone

Bidone d'oro 2010 per la cultura a Clementina Gily
gely.jpg (10416 byte)

Motivazione:

Il Movimento Culturale "Esasperatismo Logos & Bidone" ha l'onore di consegnare il premio per la cultura "Bidone d'oro 2010" alla Prof.ssa Clementina Gily.
La Prof.ssa Clementina Gily, attraverso la sua attività di docente e di giornalista pubblicista, di valente scrittrice, di infaticabile curatrice di convegni e conferenze, ha contribuito e contribuisce alla diffusione di una cultura intesa, al tempo stesso, come custode del patrimonio conoscitivo classico e come promotrice di nuovi e stimolanti saperi. Instancabile animatrice di formazione estetica, tenace ricercatrice e guida attenta. Osservatorio di comunicazione Federico II di Napoli, è riuscita nel difficile intento di coniugare le istanze formative di tradizione umanistica con le nuove tecnologie informatiche.

seconda mostra internazionale
Napoli - Castel dell'Ovo
20 novembre / 2 dicembre 2007

copertina.jpg (11425 byte)

Il titolo di questo libro, “LA PAROLA AL BIDONE - pensieri esasperatisti”, si pone in linea di continuità con il libro precedente, “Esasperatismo, pericoli globali” (Tullio Pironti Editore) di recente pubblicazione. Questo volume, oltre a nascere dal bisogno di denunciare alcune esasperazioni, già esposte nel testo precedente, intende anche coinvolgere i sentimenti e le difficili esperienze che viviamo quotidianamente e risponde alla voglia di comunicare qualcosa che va oltre le parole e lo scritto. In questo percorso interiore non sempre sono riuscito a esprimere le emozioni che mi hanno spinto a rievocarle, ma mi auguro che gli eventuali lettori possano cogliere la mia buona volontà di trasmettere amore, affetto, passione. Si tratta di riflessioni, esperienze belle e brutte di una vita molto lunga, forse troppo, perché i momenti descritti, le situazioni, i pensieri, sono stati veramente tanti. Sono la testimonianza di un’esistenza vissuta intensamente, che approda quasi naturalmente e inevitabilmente alla fondazione del Movimento esasperatista, con il quale si preannuncia un futuro sicuramente molto nuvoloso, accompagnato tuttavia dalla speranza che il cielo si possa schiarire per tutti e che un poco di sole possa portare un domani migliore. In questo libro, come nel precedente, ho inserito alcuni momenti della mia vita e, in particolare, della mia infanzia, per far capire che il presente è frutto del passato, porta con sé i segni della vita vissuta. Solo così si spiega il sentimento di preoccupazione e il mio incontro col Bidone. Ho visto nel Bidone la sofferenza e le ferite che l’umanità e il mondo di oggi sono costretti a subire, per un progresso mal interpretato e mal gestito. Nasce così, nel 2000, il Movimento esasperatista, con l’intento, appunto, di denunciare i pericoli che il mondo sta correndo. Il testo raccoglie tanti momenti, episodi, denunce, riflessioni, aforismi e citazioni. Ho cercato di fotografare il difficile momento che tutta l’umanità sta vivendo con l’irrimediabile perdita di valori che molti giovani non conosceranno mai. Mi riferisco alla genuinità dei rapporti interpersonali di un tempo, al calore degli affetti e delle amicizie, all’unione delle famiglie. L’egoismo e l’avidità dell’uomo, poi, hanno già arrecato danni in buona parte non più sanabili al pianeta terra: le mie, e certamente non solo mie, denunce relative ai disastri ambientali sono dettate dal senso di  responsabilità civile e morale. Il mondo ha vissuto sempre le guerre, ma questa guerra è un’altra cosa, riguarda tutti, è la più difficile, interessa tutto il mondo. Noi Esasperatisti speriamo che ci sia un ravvedimento, ma questa speranza si allontana sempre di più.
Il libro conserva la linea esasperatista nelle riflessioni, cerca sempre di proiettare i pensieri tra passato, presente e futuro, vuole sensibilizzare alla riflessione sul presente confrontandosi col passato e guardando, con due occhi, al futuro. Il pensiero non è mai libero dal passato e cerca sempre di sostenere quei valori che, secondo il mio principio, sono a fondamento del vivere civile. Leggendo questo libro si potrebbe avere la sensazione di un invito a riflettere su tutto quello che produciamo nella nostra vita, e a quale scopo e per quale obiettivo, ed è proprio così. L’amore, il bello e i buoni sentimenti hanno la precedenza sempre.    Le poche cose che ho scritto sono sempre dettate dal cuore e dallo spirito, senza imbroglio. Rappresentano la spontaneità di una vita vissuta e la responsabilità di chi percepisce i pericoli e la sofferenza del proprio tempo.

 

ESASPERATISMO A SORRENTO
18 ottobre 2016


Libero Galdo non c’è più.
Non c’è più un caro amico e...
Adolfo Giuliani lo ricorda




Presentazione "Esasperatismo, pericoli globali" nella Casa Editrice Tullio Pironti a Napoli il 27/4/2016


Casagiove 23 marzo 2016
Presentazione libro "Esasperatismo Pericoli Globale" di Giuliani
Inaugurazione Mostra Itinerante aperta fino al 2 aprile.

 

Apprendo con tristezza che Annarosa Del Corona, stimata poetessa, giornalista e scrittrice di Grosseto, non c’è più. Da molti anni seguiva con sensibilità e condivisione il nostro Movimento, apportandovi il Suo personale contributo con testi giornalistici e poesie. Era una persona speciale, di elevato spessore culturale, ricca di valori umani e sentimenti profondi. Alla famiglia le più sentite condoglianze da parte mia e di tutto il Movimento esasperatista.
Adolfo Giuliani
Napoli 22 agosto 2015




Bidone d'oro 2013 per la cultura al prof. Aldo Masullo
14 giugno 2013

Motivazione:
Il Movimento artistico – culturale “Esasperatismo – Logos & Bidone” ha l’onore di consegnare il premio Bidone d’oro 2013 alla Cultura al filosofo Prof. Aldo Masullo, persona di grande spessore umano e morale, protagonista della vita civile e politica dei nostri giorni.
Il Prof. Masullo, interprete attento e rigoroso del presente, ha dedicato la sua ricerca filosofica alla comprensione profonda dell’essere umano, con particolare attenzione alle sue sofferenze, da quelle intime ed esistenziali a quelle della quotidianità contingente. Da saggio, approda alla fiducia nel futuro.
Il Movimento esasperatista si identifica in questo stupendo percorso che dal dolore conduce alla speranza.

Napoli, 14 Giugno 2013


ESASPERATISMO ED OLTRE
MOSTRA A CAIAZZO (CE)
Presentazione libro
La parola al Bidone
06/05/2017



Gerardo Marotta ci ha lasciati.

E’ una grave perdita per la Cultura internazionale. E’ andata via una persona che credeva nei valori umani e che ha consacrato la Sua vita agli altri, con impegno e umiltà, donando il Suo tempo, le Sue competenze, le risorse intellettuali e materiali di cui disponeva, per affermare e consolidare ideali umani, civili, sociali, culturali. Per oltre 40 anni è stato Presidente dell’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici di Napoli, assolvendo questo ruolo con dedizione, professionalità  e passione. Sul piano umano, è stato sempre disponibile ed affettuoso con tutti. In particolare,  ha dato ai giovani un sostegno, oggi raro, ed è stato per loro un punto di riferimento sicuro ed autorevole.
Io, come fondatore del Movimento artistico – culturale “Esasperatismo – Logos & Bidone”, ho avuto l’onore della Sua amicizia, consegnandogli, nel 2008, il primo Bidone d’oro per la Cultura, in riconoscimento delle Sue doti intellettuali e di quanto da Lui realizzato per il prestigio culturale della città di Napoli. Il Movimento esasperatista perde, con Lui, un grande amico e sostenitore.
Sono profondamente addolorato per una perdita immensa e sono convinto che l’Avv. Marotta sarà sempre nei ricordi di tutti coloro che hanno avuto il piacere e il privilegio di conoscerLo. La storia Lo ricorderà non solo per il Suo spessore culturale, ma anche come esempio di generosità e umanità.
Alla famiglia esprimo, a titolo personale e del Movimento che rappresento, la più affettuosa vicinanza.
Napoli, 26/01/2017
Adolfo Giuliani
 




Esasperatismo, pericoli globali. Una prima chiarificazione, pertanto, si rende necessaria per spiegare la nascita dell’Esasperatismo come estrema preoccupazione dei pericoli che la terra e l’umanità stanno correndo, ma anche come speranza che si possa rimediare ai danni che l’uomo ha prodotto. Come sono nati questi “momenti”? Nell’introduzione all’ultimo libro, che ho pubblicato per il Movimento Esasperatismo – Logos & Bidone – 2009/2015, presente in questo volume, racconto episodi della mia infanzia, per spiegare come inizia il sentimento esasperatista e da cosa abbiano avuto origine determinati momenti. Parlo della guerra da me vissuta, della partecipazione alle Quattro Giornate di Napoli del ’43 e di parte del successivo percorso della mia vita. Ho voluto realizzare il presente libro per mettere insieme, appunto, i sentimenti che mi hanno accompagnato dall’infanzia ad oggi, cercando di seguire un percorso logico. L’infanzia, in particolare, riveste grande importanza: senza tutta l’esperienza maturata in quel periodo non sarebbe nato nulla, di certo non avrei “incontrato” il Bidone e non sarebbe nato il Movimento esasperatista. Oggi sarei un’altra persona, completamente diversa. Certamente tutti quelli che hanno la mia età possono raccontare più o meno le stesse esperienze, ma non tutti sono vissuti a Napoli in quel tempo e anche quelli vissuti a Napoli non possono riferire gli stessi episodi. I momenti della seconda guerra mondiale e il susseguirsi delle Quattro Giornate a Napoli hanno punti di vista diversi perché le vicissitudini dipendono dai differenti quartieri in cui si è vissuti. Inoltre, anche coloro che hanno condiviso la stessa esperienza, possono averne una percezione del tutto personale e, perché no, dissimile dagli altri. In questo libro ho inserito anche le preoccupazioni che il mondo sta vivendo. Molti i riferimenti ai giovani, al malcostume del momento, ai disastri ecologici che l’uomo ha provocato per il suo egoismo. Questi ultimi temi ci riportano alla nascita del Movimento Esasperatismo Logos & Bidone. Vado in pensione nel 1991 e nel 1997 riapro una galleria d’arte (un’esperienza precedente risale agli anni Settanta) per riprendere il discorso interrotto. Sempre accompagnato dalla mia volontà e, soprattutto, dalle esperienze vissute in quegli anni, fondo il Movimento esasperatista, con l’aiuto di artisti e di altri esponenti del mondo della cultura, desiderosi di esprimere il disagio e le preoccupazioni del momento. L’Esasperatismo prende progressivamente forma, si sviluppa e si rafforza, ma senza mai tradire il messaggio del Manifesto, firmato da me nel 2000. Successivamente, anche attraverso la realizzazione di molteplici eventi, sono stati in molti a condividere il Manifesto, sia a livello artistico che culturale. Sono trascorsi più di quindici anni dalla nascita del Movimento: è stato per me un percorso molto faticoso e dispendioso economicamente, ma pieno di soddisfazioni. L’unico rammarico è stato il poco sostegno dei mass media, delle Istituzioni e di gran parte dei Napoletani, ma c’era da aspettarselo, non poteva essere diversamente. Qualcuno ha detto: “Che peccato che il Movimento sia nato a Napoli”; tuttavia, io sono contento che sia nato a Napoli e che il Movimento sia nato da un napoletano.
   
I testi inseriti in questo libro sono di varia natura e proprio questa diversità fa comprendere che essi esprimono momenti legati ad episodi singolari e particolari, a varie circostanze di disagio e di  preoccupazione, a sentimenti unici e irripetibili.
Io non mi sono mai definito poeta o scrittore. Ho sempre realizzato le cose in modo semplice e spontaneo, esprimendo quel sentimento vero che il momento mi suggeriva.

 
Naturalmente questo racconto riveste grande importanza per me, ma probabilmente avrà scarso significato per gli altri. Vi chiedo scusa in anticipo se vi annoierò, ma per farmi perdonare, vi propongo qualcosa di allegro: una ricetta culinaria rigorosamente natalizia. La troverete nell’ultima pagina!                  Adolfo Giuliani                       



Bidone d'oro speciale alla Fondazione Teatro S,Carlo
14 giugno 2013

Motivazione:
Il Movimento
artistico – culturale “Esasperatismo – Logos & Bidone” assegna il premio Bidone d’oro speciale alla Fondazione Teatro San Carlo con la seguente motivazione:
“Il Teatro San Carlo rappresenta quanto di più nobile e significativa la città di Napoli possa offrire al mondo intero. La sua storia, il suo percorso culturale, le Arti che la connotano, fanno di questa Istituzione un punto di riferimento indiscusso per chi coltiva la Bellezza, per chi ama l’Armonia, per chi aspira all’essenza più profonda dell’Umanità.
Il Movimento esasperatista è particolarmente onorato di conferire al Teatro San Carlo il premio Bidone d’oro speciale, quale riconoscimento per la divulgazione della Cultura nel mondo da quasi tre secoli.”

Napoli, 14 Giugno 2013

 

14 giugno 2013 - Bidone d'oro 2013 per la cultura al prof. Masullo e bidone d'oro speciale alla Fondazione Teatro S.Carlo


09m.jpg (3823 byte)
Bidone d'oro speciale 2013 a Luca Parmitano
20 febbraio 2013


Conferenza:
"I quattro punti del Manifesto esasperatista: nuove prospettive"

19 dicembre 2012
Convitto Nazionale Vittorio Emanuele II - Napoli


copertina.jpg (13115 byte)
Terza Mostra Internazionale
Napoli - Castel dell'Ovo
dal 5 febbraio al 3 marzo 2011
 

Ricordo di  Antonio Tammaro

tammaro2.jpg (13052 byte)


01m.jpg (39549 byte)

Istituto Paolo Colosimo
MAGGIO AL COLOSIMO
Lo storico Istituto Paolo Colosimo per le persone non vedenti e ipo-vedenti apre le sue porte al territorio, attraverso un programma di visite guidate e di spettacoli gratuiti che si terranno per tutto il mese di maggio, nell’ambito del Maggio dei Monumenti.
Nato nel 1892 e ospitato nell’edificio di un ex convento seicentesco, vanta al suo interno numerose opere d’arte e spazi di notevole interesse storico e documentaristico.
L’istituto oggi è gestito dal gruppo di imprese sociali Gesco e dal Centro di Medicina Psicosomatica.

Dal 30 aprile al 30 maggio 2010 l’istituto Paolo Colosimo apre le porte alla cittadinanza, con una serie di iniziative realizzate in collaborazione con il Rotaract Club Distretto 2100. Ogni sabato e domenica sono previste visite guidate (ore 10.00 | 13.00) ai saloni storici della struttura (a cura degli utenti ospiti) e il sabato (ore 9.00 | 13.00) la mostra d’arte Un dono per un dono.

Grandi artisti per il Colosimo, a cura dell’Istituto professionale di Stato per l’Industria e l’Artigianato Colosimo in collaborazione con O.S.C.O.M. Federico II e Movimento Artistico-Culturale "Esasperatismo - Logos & Bidone".

 
Bidone d'oro 2009 per la cultura a Roberto De Simone - 28 ottobre 2009
desimone.jpg (109902 byte)
Motivazione: il Movimento culturale "Esasperatismo Logos & Bidone" ha l'onore di consegnare il Bidone d'oro 2009 per la cultura al maestro Roberto De Simone stimato e apprezzato per le sue doti di regista e compositore, figura di primissimo piano nel mondo artistici internazionale. Egli ha sempre onorato la città di Napoli con il suo impegno di attento studioso della cultura partenopea, della sua espressività popolare e del suo patrimonio teatrale e musicale. Il suo estro creativo è un emblema della città di Napoli, la passione e la dedizione per il suo lavoro sono l'esempio del rigore e dell'etica professionale per il cittadino del mondo.
 

 

29 aprile / 13 settembre

Mostra internazionale
al Museo Gracco
di Pompei

Bidone d'oro 2008 per la cultura a Gerardo Marotta 10 ottobre 2008 04m.jpg (5283 byte)

Motivazioni: il Movimento artistico - culturale “Esasperatismo – Logos & Bidone” ha istituito, come premio annuale riservato alle personalità di spicco nel panorama culturale contemporaneo, il Bidone d’oro 2008 per la Cultura.
Il Movimento ha ritenuto all’unanimità di assegnare quest’anno il primo Bidone d’oro all’Avv. Gerardo Marotta. La consegna è avvenuta il 10 ottobre presso il centro d’arte e cultura “Il Bidone”.
“Il Movimento artistico - culturale “Esasperatismo – Logos & Bidone” ha l’onore di consegnare il primo Bidone d’oro per la Cultura all’Avv. Gerardo Marotta, napoletano DOC, fondatore e presidente dell’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici. A lui, che ha speso le sue energie ed ha profuso il suo impegno per la diffusione della Cultura nel Mondo, va la gratitudine del Movimento esasperatista che, al pari di lui, ha creduto e spera nei valori eterni del Pensiero umano”.
Adolfo Giuliani
Napoli, 14/10/2008

roherssen
Guglielmo Roehrssen si è spento
il 23 aprile 2008
 

copertinam.jpg (6665 byte)
1 mostra nazionale grosseto
13 - 21 maggio 2006

copertin.jpg (8574 byte)
1° Mostra internazionale 2004

28 ottobre 2009
Presentazione del libro di Adolfo Giuliani, Esasperatismo Logos & Bidone 2000/2009

cover.jpg (8623 byte) 
(vai al sito)

“Bidoni d’oro”
1m.jpg (5800 byte)
Guglielmo Roehrssen, bidone d'oro del movimento artistico culturale Esasperatismo Logos & Bidone


Domenico Spinosa, bidone d'oro del movimento artistico culturale Esasperatismo Logos & Bidone


Libero Galdo, bidone d'oro del movimento artistico culturale Esasperatismo Logos & Bidone


Antonio Tammaro, bidone d'oro del movimento artistico culturale Esasperatismo Logos & Bidone

spinosa.jpg (4693 byte)
Ricordo di Domenico Spinosa

min150lg.gif (4769 byte)

manda una e-mail

sito ottimizzato per Internet Explorer: alcune sezioni potrebbero non funzionare correttamente con altri browser

autore del sito è Nunzio Capece                                            Risoluzione consigliata 800x600

Free web counters